Ancestry: il nuovo EP strumentale di MUX Un ponte tra il Mediterraneo e il Sud America

Ancestry“, prima ancora che un lavoro discografico, è il tentativo di ricostruire un ponte tra il Mediterraneo e il Sud America nel momento storico in cui attraversare i continenti è diventato improvvisamente impossibile.

Dopo anni in cui le distanze si sono progressivamente annullate e in cui spostarsi da una parte all’altra del mondo è diventato un fatto naturale, l’avvento della pandemia ha reso il viaggiare un atto complicato e pericoloso.

Ed è allora proprio in piena pandemia che per molti artisti è nata l’urgenza di usare la musica come veicolo per raggiungere mete lontane e al contempo familiari.

Con “Ancestry”, concepito durante il primo lockdown e rifinito durante la zona rossa che la Campania ha vissuto tra novembre e dicembre, il giovane producer napoletano Mux ha riannodato i fili che lo legano sin dall’infanzia con i Paesi dell’America latina e le loro sonorità.

Il risultato è un sapiente mix di elettronica mediterranea e scenari immaginifici che scendono lungo le Ande fino a raggiungere il mare. Le chitarre di Gabriel D’Ario e Marco Affinito completano il quadro richiamando atmosfere andaluse e donando al disco un sapore fortemente internazionale.

“Ancestry” rappresenta anche la prima collaborazione tra Mux e l’etichetta tedesca The Magic Movement, che ne ha curato anche il mastering e la distribuzione. Noema, artista capofila del progetto berlinese e importante artista della scena teutonica, è anche autore del remix di “Floating World” che chiude il disco.

 

Acquistalo qui

 

Comments

comments

Redazione

Le menti che stanno dietro il magazine di riferimento per ogni beatmaker dello stivale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *