Artificialscape: fuori ora il nuovo lavoro di Mux!

Insomma, non solo ve lo avevamo detto ma ve lo avevamo anche fatto ascoltare in esclusiva: l’album d’esordio di Mux è davvero superlativo.

 

Ora possiamo finalmente segnalarne l’uscita per Hashetic Front Records e se ancora non hai avuto modo di mettere in play, questo è un momento particolarmente adatto visto che stiamo per presentarti meglio sia l’artista che il progetto!

Cos’è #Artificialscape?

Ogni luogo possiede un proprio carattere, un’atmosfera che suscita nei visitatori determinate sensazioni. Ma è anche vero che ogni visitatore, a seconda della propria sensibilità e del proprio vissuto, percepisce i luoghi con sfumature del tutto personali.

Trasformare in suono queste sensazioni è la motivazione che ha spinto Gian Paolo Fioretti aka Mux a comporre 7 strumentali ispirate ai propri viaggi in Europa, Asia ed Africa.

Beats volti non solo a immortalare particolari stati d’animo, ma anche ad indurli nell’ascoltatore quasi a voler condividere una storia fatta di luoghi e persone, come di frequenze, ritmi, armonie e melodie amalgamate con una creatività e una tecnica sviluppate negli anni.


Tra campionamenti, registrazioni effettuate nei luoghi visitati e parti suonate, prende forma #Artificialscape il cui titolo ricalca l’intento di far viaggiare artificialmente chi ascolta, su un percorso che è del tutto personale ma dove l’ascoltatore sensibile troverà forti similitudini col proprio essere.

 

Tutto veramente figo…ma chi è Mux?

Gian Paolo Fioretti, in arte Mux, è un producer/beatmaker di Napoli, classe ’88.
Ha studiato Musica Elettronica al Conservatorio di Avellino e fa parte del duo elettronico/drum&bass “Ear Injury”, con cui negli anni ha collaborato con artisti italiani e internazionali quali Marcello Coleman, Jah Free, Mahom Dub, Oyoshe, GanjaFarm Cru.
Ha suonato in giro per l’Italia in locali storici come il Viper Theatre di Firenze, lo Zoobar di Roma e Casa Della Musica a Napoli, partecipando a festival come il “Meeting del Mare” o il “Mess.App. Coast Festival”, aprendo concerti di artisti come i Club Dogo e i Motel Connection.
Il 29 maggio 2017 ha pubblicato il video del suo primo singolo “Driftin’on”.
Il 6 novembre 2017 la traccia “Pass” è stata rilasciata nella raccolta “Etz Chaim (Tree of life)” per Syntheke Records, disponibile sia su tape che in digitale su tutte le piattaforme.”

 

Oggi, aggiungiamo noi, pubblica #Artificialscape: un tassello importante per il puzzle che è la beat-scena italiana e che, ne siamo certi, non verrà dimenticato dagli amanti del genere.

 

Comments

comments

Redazione

Le menti che stanno dietro il magazine di riferimento per ogni beatmaker dello stivale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *